4^ Settimana dell’ Accoglienza

Mercoledì 18 aprile  nella sede dell’associazione AMA si è tenuta la conferenza stampa in cui è stato svelato il tema della 4^ edizione della Settimana dell’Accoglienza, organizzata dal Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza del Trentino Alto Adige (CNCA).

 

Persona e Comunità. Coltivare i doveri, promuovere i diritti.

 

È questo il tema scelto per la Settimana dell’Accoglienza dal 29 settembre al 7 ottobre 2018!
L’intreccio di reciproci doveri e diritti sta alla base di una comunità accogliente.

 

La persona ha nei confronti della comunità dei doveri: nessuno basta a se stesso, tutti abbiamo bisogno degli altri, e questa rete di relazioni chiama ciascuno alla propria responsabilità, qualunque sia la sua condizione. Ho il dovere di sentirmi responsabile verso gli altri. Far parte di una comunità vuol dire coltivare con amore questo dovere.

 

La comunità ha dei doveri verso la persona: deve riconoscere e rispettare la dignità indistruttibile di ciascuno, la sua unicità. Senza distinzioni, senza differenze. Verso i più deboli la comunità ha doveri più forti, perché è la custode del valore inestimabile di ciascuno.

 

La comunità ha nei confronti della persona dei diritti: sei parte di questo organismo che ti accoglie, contribuisci perciò a sostenerlo e a migliorarlo e rispetta le regole e le leggi che lo tengono in vita e impediscono che a dominare siano il più forte, il più furbo, il più violento.

 

La persona ha nei confronti della comunità dei diritti: i diritti fondamentali sono inscritti nella persona in quanto tale, in quanto essere umano. Per questo li chiamiamo diritti umani. La comunità, lo Stato non li danno: li riconoscono, li promuovono, li tutelano.

 

Questo intreccio affascinante e complesso di diritti e di doveri lo approfondiremo tenendo conto di tre ambiti comunitari: la società nel suo insieme, col suo intreccio di persone, organismi della società civile, istituzioni; il sistema di welfare, con il suo intreccio di pubblico, privato, privato sociale; le nostre organizzazioni (associazioni, cooperative, enti) con il loro intreccio di soggetti deboli, operatori, volontari, famiglie, e che sempre più sono chiamate a riscoprire la loro vocazione di servizio.